Come prevenire i danni da pluviale condominiale intasato

Luglio 18, 2019

Il pluviale condominiale si può intasare perché oggetti come foglie, rametti, sassolini si sono accumulati al suo interno, fino a creare un “tappo” che impedisce all’acqua piovana di fluire.

Se il “tappo” provoca pressioni all’interno del pluviale, può provocare la rottura del tubo stesso e, di conseguenza, anche perdite o infiltrazioni.

Quando un pluviale si intasa, sono dolori per tutti i condòmini, perché bisogna convivere con una situazione di disagio. Bisogna contattare l’amministratore e gli specialisti e dividere le spese. E in più, se il pluviale è vecchio, è molto probabile che si rompa obbligando a spese ulteriori per la sostituzione del tubo.

Tutto ciò è evitabile installando Syfi, il sifone pluviale esterno facilmente ispezionabile per la manutenzione e per la pulizia. 

E prevede, inoltre, un foro che consente lo spurgo automatico delle acque piovane in caso di accumulo di detriti al proprio interno.